PoggioAlto_casa_delle_anfore

La Casa delle Anfore era posta nell’area suburbana del centro etrusco di Marsiliana, forse l’antica città di Caletra delle fonti antiche. Si tratta di un edificio a pianta quadrangolare, esteso per circa 400 mq, con un cortile centrale intorno a cui si articolavano almeno otto ambienti, databile tra la fine del VI e quella del V secolo a.C. Attualmente se ne conservano solo le fondazioni, in spezzoni di travertino, sui quali si elevavano le murature in mattoni crudi essiccati al sole, completamente scomparsi; le numerose tegole e i grossi chiodi di ferro recuperati con lo scavo, devono essere pertinenti a travature e rivestimento del tetto. I materiali rinvenuti (soprattutto anfore e grandi contenitori), uniti alle analisi scientifiche delle pareti dei vasi e delle superfici dei pavimenti, hanno permesso di comprendere come in questo edificio si realizzasse la conservazione del pesce attraverso l’olio di oliva, appositamente immagazzinato in alcuni degli ambienti, poi commercializzato all’interno di anfore prodotte localmente. Il sito archeologico è in proprietà privata e per l’accesso è necessaria l’autorizzazione preventiva della Tenuta Marsiliana.